© Czech Tourism

PRAGA, CROCEVIA DI POPOLI

Luoghi e memorie di vita ebraica

Repubblica Ceca 08 - 13 Luglio 2019
6 giorni (5 notti)

Respirare la storia della “Mitteleuropa”, dell’Europa centrale, tra Germania e Repubblica Ceca, scoprire le numerose testimonianze dell’esistenza delle comunità ebraiche qui presenti fin dal X secolo, arrivare a Praga: gioiello di arte e architettura, adagiata sulle sponde della Moldava, di volta in volta capitale del Sacro Romano Impero, dell’Impero Asburgico, poi, passando dal tallone di ferro di Hitler a quello di Stalin, città del socialismo reale sotto l’ombra del comunismo e rinata oggi come capitale di uno stato moderno e democratico. Calzante è il significato della parola “prah” in ceco: soglia. Praga è infatti una porta per il cuore dell’Europa, fondendo in sé l’elemento ceco con quello ebraico e tedesco, ispirando musicisti e scrittori di fama mondiale da Mozart a Dvorák e da Kafka a Kundera.

Partenza in pullman Gran Turismo da Cuneo-Torino (sono previste partenze anche lungo le località del percorso, fra le quali Milano e Como) per la Germania. Arrivo a Monaco di Baviera, capitale della Baviera e città importante per la formazione del potere di Hitler. Passeggiata panoramica nel centro storico per un’introduzione alla città: il vecchio municipio (in stile gotico) e il nuovo municipio (in stile neogotico), la chiesa gotica di Nostra Signora (Frauenkirche) con le sue cupole a bulbo, il palazzo reale (Residenz, la residenza cittadina dei sovrani bavaresi), la Feldherrnhalle (una loggia dedicata ai condottieri che combatterono per i duchi di Baviera. Qui davanti, nel 1923, vi fu uno scontro tra i nazisti che volevano rovesciare la repubblica di Weimar e la polizia che soffocò la rivolta), la birreria Hofbräuhaus (dove Hitler pianificava, durante gli anni venti del secolo scorso, la presa del potere politico). Sistemazione in albergo, cena e pernottamento

Colazione. Partenza per Praga. Pranzo libero lungo il percorso. Arrivo a Praga, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

Colazione. Salita al castello medioevale di Praga, oggi residenza del presidente della Repubblica, posto su una collina che sovrasta la città antica e il fiume Moldava. Visita di alcune parti del complesso: “Vecchio Palazzo Reale” (secolo XII), cattedrale di san Vito in stile gotico (secoli XIV-XX), basilica di San Giorgio (chiesa romanica fondata nel secolo X) e “vicolo d’oro” (conosciuto come “via degli alchimisti”, affollato di casette basse e colorate, un tempo dimora di funzionari reali e nel Novecento di letterati tra cui Franz Kafka). Pranzo libero. È prevista la sosta in un caffè storico (nel periodo tra le due guerre i caffè brulicavano di arte, musica, incontri culturali e dibattiti politici ed erano frequentati da grandi personaggi come Max Brod e Franz Kafka). Passeggiata nel quartiere Malá Strana (Piccolo Quartiere), sottostante il Castello, dove si trovano la chiesa di san Nicola – realizzata per volere dei Gesuiti tra il 1673-1761 nello stile barocco e rococò con forme dalla linea sinuosa e arrotondamento delle superfici e degli angoli – e la chiesa barocca di Santa Maria della Vittoria, così denominata per la vittoria nella battaglia della Montagna Bianca (1620) delle forze cattoliche contro le truppe protestanti durante la Guerra dei Trent’anni (1618-1648). Nella chiesa è conservata una statua del bambino Gesù, nota come Gesù Bambino di Praga, che, secondo la tradizione, avrebbe salvato la città dalla peste e dalle devastazioni della Guerra dei Trent’anni. La statua veniva rivestita con abiti particolarmente belli donati da numerosi benefattori, fra i quali l’imperatrice Maria Teresa, ed oggi il guardaroba del Bambino ammonta ad oltre 380 vestiti che vengono cambiati regolarmente seguendo il calendario liturgico.
Continuando a rimanere nel quartiere Malá Strana arriviamo al Muro di John Lennon, simbolo di pace e libertà per la popolazione ceca negli anni del regime comunista. A partire dagli anni ’80, dopo la morte del
cantante, i giovani iniziarono a riempirlo con scritte pacifiste, disegni ispirati a John Lennon, frasi tratte da canzoni dei Beatles e divenne punto di ritrovo per i raduni politici degli oppositori al governo. Rientro in albergo, cena e pernottamento.

Colazione. Raggiungiamo il quartiere ebraico Josefov, le cui origini risalgono al X secolo e che ha visto lo sviluppo di una fiorente società ebraica. Ingresso nell’antico cimitero ebraico, in cui all’ombra dei sambuchi sono affastellate dodicimila lapidi. Visita al complesso museale ebraico, che possiede una collezione d’arte ebraica tra le più importanti al mondo ed è dislocato nelle diverse sinagoghe del quartiere, fra le quali la sinagoga Pinkas dedicata alla memoria degli Ebrei cechi e moravi rimasti vittime dell’Olocausto (sulle sue pareti sono riportati i nomi degli ottantamila ebrei cechi deportati); sinagoga Spagnola (edificata in stile moresco nel 1868, contiene l’esposizione dedicata alla storia degli Ebrei in Boemia e Moravia dalla fine del XVIII secolo all’inizio del XX secolo); sinagoga Alt-Neu (Vecchia-Nuova), la più antica d’Europa, miracolosamente scampata alla distruzione nazista, le cui origini sono avvolte nella leggenda. Si dice che nelle sue soffitte siano custoditi i resti del Golem, il gigante d’argilla creato da Rabbi Low nel 1500. Pranzo libero. Passeggiata nella “Città Vecchia” (Stare Mesto), all’interno della quale è situato il quartiere ebraico, a partire dal ponte Carlo, sul fiume Moldava, adornato da trenta statue di santi; costruito nel 1357 in stile gotico durante il regno dell’imperatore Carlo IV per collegare la Città Vecchia al Malá Strana. La statua più celebre è quella di san Giovanni Nepomuceno, vicario generale dell’arcidiocesi di Praga che, per volere del re Venceslao IV, fu giustiziato nel 1393 venendo gettato dal ponte. Giovanni Nepomuceno fu ucciso per il suo rifiuto di rivelare al re quanto detto in confessione dalla regina e in seguito sarà dichiarato santo per aver difeso l’importanza del sacramento della penitenza. seguendo la Via Reale, l’antica strada dell’incoronazione per il Castello di Praga, attraversiamo la “Piazza della città vecchia”, dove risiedono l’edificio medievale del Municipio con l’orologio astronomico e la gotica chiesa di Týn, per arrivare fino alla gotica Porta delle Polveri, risalente al 1475 come deposito per la polvere da sparo. Sosta presso l’adiacente Casa Civica, in stile Art Noveau, concepita durante il periodo storico del risveglio nazionale ceco alla fine dell’Ottocento, come centro culturale della comunità ceca. Rientro in albergo, cena e pernottamento.

Colazione. Partenza per Terezín, località situata a circa 60 km a nord di Praga, composta di due luoghi principali: la Piccola fortezza, prigione gestita dalla Gestapo a partire dal 1940 e la Grande Fortezza, ovvero la città stessa di Terezín, che durante la seconda guerra mondiale fu trasformata in Theresienstadt, ghetto per ebrei cechi gestito dalle SS e controllato da una squadra di gendarmi cechi. Nel corso degli anni Theresienstadt assunse diverse funzioni: campo di raccolta, campo per anziani, ghetto modello per la propaganda nazista, in cui si tengono 2430 conferenze, 600 spettacoli teatrali e musicali e si allestiscono laboratori d’arte per bambini. Nei quattro anni di funzionamento vengono internate circa 140.000 persone, tra loro 15.000 bambini. Al momento della liberazione gli adulti sopravvissuti sono 3800, i bambini 142. Qui fu girato il terribile film di propaganda Il Führer regala una città agli ebrei. Ingresso nelle “Caserme di Magdeburgo”, all’interno delle quali si trova la mostra dedicata alle attività culturali nel Ghetto. Pranzo libero. Visita del Forno crematorio e della Piccola Fortezza che funzionò come prigione del Ghetto. Rientro in albergo a Praga, cena e pernottamento.

Colazione. Partenza per la Germania, diretti a Norimberga, città di origine medioevale, che ospitava i raduni annuali del partito nazista. Pranzo libero. Visita dell’area delle grandi adunate hitleriane e delle sfilate nazional-socialiste, complesso di campi ed edifici molto vasto che poteva accogliere fino ad un milione di persone. Raggiungiamo il Campo Zeppelin (dove il regime nazista vi costruì un’arena circondata da spalti su tre lati, mentre sul quarto troneggiava la Tribuna Zeppelin, dalla quale Hitler teneva i suoi comizi) e il Palazzo dei Congressi, una sorta di moderno Colosseo. Ingresso nel Centro di documentazione che si pone l’obiettivo di
esplorare le cause e le conseguenze della dittatura nazista. Sistemazione in albergo, cena, pernottamento.

Colazione. Partenza per il rientro in Italia. Pranzo libero lungo il percorso. Arrivo in serata alla località di partenza.

ACCOMPAGNATORE CULTURALE: Maria Teresa Milano
È dottore di ricerca in Ebraistica, traduttrice, autrice e formatrice. Crea e conduce progetti su storia, cultura e musica ebraica per conto di scuole e istituzioni, tra cui MIUR, Istoreto, Conservatorio di Torino, Museo della Ceramica di Mondovì, Amicizia ebraico-cristiana. È docente di ebraico biblico presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Fossano e tiene corsi di lingua e di cultura ebraica in diverse città della provincia di Cuneo. Cura la rubrica “In ascolto” per Pagine Ebraiche – Moked. È cantante del gruppo klezmer Mishkalé, con cui ha prodotto SHTETL (cd e recital). Collabora con Edizioni Sonda e Effatà Editrice in qualità di autrice e traduttrice. Per Effatà Editrice ha scritto Regina Jonas. Vita di una rabbina. Berlino 1902 – Auschwitz 1944, (2012); Terezín. La fortezza della resistenza non armata (2017); La voce è tutto. Mosaico di donne nel mondo ebraico (2017) e dirige la Collana “Donne Toste” (nella quale è uscito il testo Milena. La terribile ragazza di Praga, di Donatella Sasso).

APPROFONDIMENTI
Durante i trasferimenti in pullman l’accompagnatore introduce e commenta letture di brani, ascolti musicali, proiezioni audiovisive, che contribuiscono a cogliere aspetti artistici, storici, spirituali e culturali del viaggio in Repubblica Ceca e Germania.

LA QUOTA COMPRENDE:
• Trasporto in pullman G.T. per le località indicate, visite ed escursioni come da programma con ingressi a pagamento inclusi
• Sistemazione in hotel di 2/3 stelle in camere a due letti con servizi privati
• Trattamento di mezza pensione dalla cena del 1° giorno alla
colazione dell’ultimo giorno
• Accompagnatore culturale
• Tasse locali e IVA

LA QUOTA NON COMPRENDE
• Quota individuale gestione pratica obbligatoria (comprende costo individuale di gestione pratica e polizza assicurativa “Tripy Vacanze Insieme” di Axa Assistance (per consultare il fascicolo informativo “Tripy Vacanze Insieme” con le condizioni di assicurazione clicca qui): € 55
• Assicurazione annullamento viaggio (facoltativa). È possibile stipulare un’assicurazione facoltativa (“Tripy Annullamento” di  Axa Assistance ). La polizza deve essere stipulata contestualmente alla prenotazione/acquisto del viaggio.  Annullamento “All Risk”: premio del 7,8% sul costo del viaggio. Annullamento “Light”: premio del 5,23% sul costo del viaggio. Per consultare il fascicolo informativo “Tripy Annullamento” con le condizioni di assicurazione clicca qui
• Tasse aeroportuali: a partire da € 120, soggette a variazione fino ad emissione dei biglietti aerei
• Eventuale adeguamento costo carburante aereo e carbon tax
• Mance ad autisti, guide locali, personale di servizio di ristoranti/alberghi
• Pasti non indicati in programma, bevande, spese personali in genere
• Esigenze alimentari specifiche. I pasti inclusi sono generalmente di tipo turistico con menù fisso o con menù a buffet. Eventuali problemi alimentari come allergie ed intolleranze devono essere comunicati all’atto della prenotazione. La segnalazione sarà inoltrata ad albergatori e ristoratori ma non costituirà una garanzia nei confronti delle persone allergiche
• Ingressi ed escursioni non indicati in programma
• Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”

SUPPLEMENTI
Camera singola: Euro 210,00

  • Quota di partecipazione:
    € 890,00
  • Partenza da:
    Cuneo-Fossano-Torino
  • Quota gestione pratica:
    € 45
  • Trasporto:
    Pullman
  • Prenotazione:
    Entro il 07 Giugno 2019 o oltre, fino ad esaurimento posti
Scheda di prenotazione