Questo viaggio è già stato effettuato, ma puoi controllare il nostro catalogo per le prossime destinazioni.

EL CAMINO DE SANTIAGO

Da Roncisvalle a Finisterre

Spagna 27 Settembre - 04 Ottobre 2016
8 giorni (7 notti)

Un’esperienza straordinaria, per molti aspetti indescrivibile. Il Cammino è sfida continua, è spiritualità riscoperta e vissuta quotidianamente: un viaggio introspettivo di grande profondità. Il pellegrino attraversa grandi città e paesini incantati, sospesi in un tempo ritornato lento e ritornato “proprio, personale”, va a spasso nella storia. Esistono nove diversi itinerari ufficiali del Cammino. L’itinerario più spesso scelto è il cosiddetto “itinerario francese”, il cui punto di partenza è Roncisvalle, sul versante spagnolo dei Pirenei nella regione della Navarra. Seguendo questo percorso attraverseremo varie regioni della Spagna: Navarra, Rioja, Castiglia Léon, Galizia, il cui capoluogo, Santiago, è la tappa finale.

Ritrovo all’aeroporto di Milano (o altre città su richiesta) e partenza con volo di linea per Bilbao (possibili scali intermedi). Pranzo libero. Trasferimento in pullman Gran Turismo verso Roncisvalle. Sosta a St. Jean Pied de Port, ai piedi dei Pirenei sul versante francese, per una passeggiata nel piccolo borgo medievale fino alla porta d’ingresso della città dedicata a San Giacomo. Si prosegue verso Roncisvalle, famosa per la battaglia di Carlo Magno, raccontata nella Chanson de Roland («Canzone di Rolando»). Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

Le mie preoccupazioni per gli affari, per i lavori che avevo lasciato in sospeso, avevano praticamente cessato di esistere. Ero contento di trovarmi lì, a percorrere il Cammino di Santiago. (Paulo Coelho, Il Cammino di Santiago)

Colazione. Visita del santuario della Collegiata e della cappella di Santiago, situati all’interno del convento di Roncisvalle. Sosta alla croce del Pellegrino, monumento votivo di tradizione popolare. Prima tappa a piedi da Roncisvalle a Espinal (4 km). Arrivo a Pamplona, capitale della Navarra. Pranzo in ristorante. Passeggiata panoramica nel centro storico fra il palazzo del municipio, in stile barocco, e la piazza del Castello. Ingresso nella cattedrale gotica santa Maria la Real e nella chiesa romanico-gotica di san Cernin. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

Colazione. Camminata dalla chiesa romanica di Eunate, cappella ottagonale del sec. XII in mezzo ad un campo di grano, a Puente la Reina (7 km), dove attraversiamo il fiume Arga passando sul ponte che dà il nome alla località. Questo ponte è stato fatto costruire nel sec. XI dalla regina Munia, moglie del re Sancho el Mayor, per facilitare il percorso ai pellegrini. Si prosegue in pullman verso Santo Domingo de la Calzada e si visita la cattedrale. Pranzo in ristorante. Trasferimento a Burgos per scoprire i monumenti della capitale del regno di Castiglia: arco di Santa Maria (porta della città del 1534), paseo del Espolón (giardino che rappresenta il punto d’incontro per gli abitanti di Burgos), plaza Mayor (nel cuore della città), casa del Cordon (palazzo del sec. XV). Ingresso nella cattedrale del sec. XIII e nella chiesa gotica di san Nicola di Bari. Sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

Il pellegrino, per il solo fatto di essersi messo in cammino, inizia un cambiamento e, ancora più importante di ciò che porta con sé, è quello che si è lasciato dietro. La diversa situazione che il pellegrino deve affrontare in un primo momento può confondere e disorientare, ma questo fa nascere anche nuovi entusiasmi, risveglia ciò che era latente, fa affiorare pensieri nascosti. (Robert Mullen, Call of the Camino)

Colazione. Dopo Burgos, il Cammino prosegue lungo 200 km fra campi di grano all’interno della regione Castiglia e León. Marcia a piedi da Itero de la Vega a Fromista (14 km), con sosta a metà del percorso nel paese di Boadilla del Camino presso gli “ostelli dei pellegrini”. Proseguimento a piedi (oppure in pullman) per Fromista, dove visitiamo la chiesa romanica di san Martino. Pranzo in ristorante. Arrivo a León, città di origini romane, una delle più importanti tappe del Cammino di Santiago. Passeggiata panoramica fra i principali monumenti: Calle Ancha (la via centrale della città), Casa Botines (opera del 1892 realizzata da Antonio Gaudí, definito “plasmatore della pietra e del ferro”), Palacio de los Guzmanes (palazzo in stile rinascimentale del sec. XVI). Ingresso alla basilica romanica di san Isidoro con il Panteon (portico del sec. XI, decorato da affreschi romanici che raffigurano la storia della Salvezza e il ciclo dei mesi) e alla cattedrale gotica con vetrate del sec. XIII. Sistemazione in albergo e cena. Dopo cena, passeggiata nel quartiere “barrio húmedo” (vivace zona del centro, ricca di taverne, bar e ristoranti). Pernottamento.

Dopo aver passato molto tempo camminando lungo il Cammino di Santiago, adesso era arrivato il momento in cui il Cammino «mi faceva camminare». E grazie al fatto che l’uomo prende sempre la decisione giusta nei momenti di crisi, camminavo senza paura verso la nebbia. (Paulo Coelho, Il Cammino di Santiago)

Colazione. Raggiungiamo il santuario dedicato alla Vergine del Cammino, situato nei dintorni della città di Leon, nel cui interno si conserva la statua della “Vergine del Cammino” del secolo XVI. In seguito, arriviamo ad Astorga, dove si trovano la cattedrale gotica e il palazzo vescovile, opera dell’architetto Gaudí, eretto alla fine del sec. XIX. Si prosegue verso i monti di León. Tappa a piedi dal villaggio di Foncebadon a Cruz de Hierro (2 km). È tradizione che ogni pellegrino porti fin qui una pietra dal proprio luogo d’origine e la lasci ai piedi di una croce di ferro. Con il pullman si sale verso O’Cebreiro (1293 m), porta d’accesso alla Galizia per i pellegrini di Santiago. Visita del monastero nel quale si conserva il calice del miracolo eucaristico qui avvenuto nel 1300. Pranzo in ristorante. Camminata da O’Cebreiro a Hospital de la Condesa (6 km). Trasferimento a Sarria, sistemazione in albergo, cena e pernottamento.

Colazione. Diretti verso Santiago di Compostela con sosta al Monte do Gozo («Collina della gioia»), una piccola altura dalla quale i pellegrini possono vedere per la prima volta le torri della cattedrale di Santiago. Qui i pellegrini esultavano perché, dopo aver rischiato la vita per mesi, erano finalmente giunti alla conclusione del Cammino. In marcia a piedi tra Monte do Gozo e la cattedrale di Santiago (5 km). Secondo la tradizione, l’apostolo San Giacomo evangelizzò la Galizia e la città di Compostela deve la sua esistenza al ritrovamento dei resti dell’apostolo da parte dell’eremita Pelagio nel secolo IX. Visita panoramica della città: parco dell’Alameda (belvedere affacciato sulla città vecchia), piazza del Toral (nel cuore del centro storico), piazza della Quintana (dove si trova la “Porta Santa” della cattedrale), piazza dell’Obradoiro (con l’Hospital Real, l’antico ostello dei pellegrini; palazzo di Gelmirez in stile romanico; palazzo di Raxoi del sec. XVIII). Ingresso alla cattedrale, culmine dell’arte romanica spagnola, e alla chiesa barocca di san Pelagio de Antealtares. Pranzo, cena e pernottamento a Santiago di Compostela.

I miei pellegrinaggi mi hanno insegnato la sobrietà. Nell’abbandono di tutto ciò che mi impediva di essere veramente me stessa ho potuto rinconciliarmi con la mia vera identità. Diventare veramente presente a me stessa, così come sono adesso. Essere in sintonia con quanto mi sembra giusto nel più profondo del cuore. (Gabrielle Nachen, Compostelle)

Colazione. Raggiungiamo il santuario Nosa Señora da Barca a Muxía, il punto più occidentale della Spagna. Il santuario fu costruito sugli scogli di fronte all’oceano atlantico, nel luogo dove la tradizione narra che la Vergine, su una barca di pietra guidata dagli angeli, apparve a Santiago per sostenerlo nella sua predicazione. In seguito, ci spostiamo al vicino Capo Finisterre, considerato fino al medioevo la «fine della terra», promontorio formato da rocce in granito che si erge per 600 metri sul livello dell’oceano. In marcia (2 km) lungo la vicina spiaggia di Langosteira, continuando la tradizione dei pellegrini che, sulle spiagge circostanti, raccoglievano una conchiglia (simbolo che segna il Cammino a partire da Roncisvalle) a prova dell’avvenuto pellegrinaggio. Pranzo in ristorante. Rientro a Santiago di Compostela, cena e pernottamento.

Ché peregrini si possono intendere in due modi, in uno largo e in uno stretto: in largo, in quanto peregrino chiunque è fuori de la sua patria; in modo stretto non s’intende peregrino se non chi va verso la casa di sa’ Iacopo o riede. (Dante)

Colazione. Trasferimento all’aeroporto di Santiago di Compostela, pranzo libero, rientro con volo di linea in Italia all’aeroporto di partenza (possibili scali intermedi).

Meditazioni

Lungo il cammino sono previste soste di riposo arricchite da meditazioni, a cura di Effatà Tour, tratte da racconti di viaggio di pellegrini, ricerche di storici e documenti medievali. Il Cammino di Santiago diventa l’occasione per praticare un percorso di spiritualità e vivere il Cammino come viaggio interiore.

Approfondimenti

Durante i trasferimenti in pullman l’accompagnatore di Effatà Tour introduce e commenta letture di brani, ascolti musicali, proiezioni audiovisive, che contribuiscono a cogliere aspetti artistici, storici, spirituali e culturali relativi al Cammino di Santiago.

  • Quota di partecipazione:
    € 1.480,00
  • Partenza da:
    Milano
  • Quota gestione pratica:
    € 45
  • Trasporto:
    Aereo, Pullman
  • Prenotazione:
    Entro il 19 Marzo 2016 o oltre, fino ad esaurimento posti
Scheda di prenotazione

LA QUOTA COMPRENDE: Volo di linea andata Milano/Bilbao e ritorno Santiago di Compostela/Milano in classe economy • Tasse aeroportuali (soggette a riconferma al momento dell’emissione biglietti) • Trasporto in pullman G.T. per le località indicate, visite ed escursioni come da programma con ingressi a pagamento inclusi • Sistemazione in hotel di 3/4 stelle in camera doppia con servizi privati • Trattamento di mezza pensione dalla cena del 1° giorno alla colazione dell’ultimo giorno • Accompagnatore specializzato nel Cammino di Santiago per tutto il percorso

LA QUOTA NON COMPRENDE: Le bevande ai pasti • Ingressi ed escursioni non indicati in programma • Tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”

SUPPLEMENTI: Camera singola: € 280,00 • Partenza da altre città con voli di linea: quotazioni su richiesta • Trasferimento a/r in pullman da Cuneo-Pinerolo-Torino/aeroporto Milano: il costo sarà determinato in base al numero di aderenti al servizio

ESCURSIONI A PIEDI: Le tappe a piedi seguono il Cammino di Santiago, sono facoltative (pullman a disposizione durante le tappe) e si svolgono su sentieri non asfaltati. Si raccomanda di portare con sé, oltre ai normali bagagli, un piccolo zaino, borraccia, occhiali da sole, crema protettiva, cappello, giubbotto antipioggia, vestiti e scarpe comode